TRASPARENZA, RAPPRESENTATIVITA’, SNELLEZZA: AICS RIFORMA IL SUO STATUTO

TRASPARENZA, RAPPRESENTATIVITA’, SNELLEZZA: AICS RIFORMA IL SUO STATUTO

clicca qui

“I Presidenti dei Comitati Provinciali AICS di Viterbo con l’approvazione del nuovo statuto entrano a far parte dell’assemblea nazionale”. RC

Più rappresentatività, più trasparenza, organismi e processi decisionali più snelli: Aics si rinnova … Continua a leggere

A Tolfa una due giorni di enogastronomia ecosostenibile e laboratori ambientali

11/12/2015 10:00 da iltempo.it Roma, 11 dic. (AdnKronos) – E’ possibile parlare di ambiente e di cultura enogastronomica e divertirsi al tempo stesso. E’ questo il punto da cui sono partiti i responsabili della commissione nazionale ambiente di AICS progettando “Ambiente, agroalimentare e artigianato si incontrano a Tolfa”, che … Continua a leggere

togliamo i veleni dal mercato

COMUNICAZIONE DI ANTONIO LUPO (di Sem Amici della Tera)
“carissimi, la questione glifosato classificato come probabile cancerogeno dallo IARC (agenzia dell’OMS), sta provocando serissimi problemi a tutte le multinazionali OGM, ma anche a tutto il mondo accademico che è in gran parte sul loro libro paga.
La petizione AVAAZ è già a quasi 1 milione di firme ttps://secure.avaaz.org/it/monsanto_dont_silence_science_loc_eu/?bYpzvbb&v=57285
I giudizi su AVAAZ possonp essere scettici, ma non c’è dubbio che ha dato una grossa mano alla campagna che ha portato alla moratoria sui neonicotinoidi.
Ora credo che tutto il Forum dell’acqua ha una occasione concreta per occuparsi un po’ anche del 60-70% della risorsa acqua, quella che viene usata in agricoltura , per la maggior parte sprecata e inquinata fortemente dall’agrobusiness.
I dati del Rapporto ISPRA 2014 confermano una forte presenza di pesticidi nelle acque, tra cui il glifosato e il suo metabolita AMPA sono i più presenti in quelle superficiali, quasi nel 50% dei campioni, ma il monitoraggio è effettuato solo in Lombardia.
E’ chiaro che in molte altre regioni ( certamente nel Padano Veneto) è altrettanto presente , con due conseguenze :
1- sta diventando sempre più difficile e meno credibile parlare e dare garanzia di cibo biologico
2- anche l’acqua potabile , che arriva ai rubinetti, in buona parte proveniente da acque superficiali, è discutibile sia stata depurata e non abbia presenza anche di pesticidi e glifosato
Mi sembra che sia un’occasione di lavoro comune a livello italiano sul cibo, terreno unitario per i movimenti di acqua , terra e energia, e per chiedere di bandire il glifosato e monitorare la sua presenza.
Molte associazioni ambientaliste e agricole si sono già mosse e unite, mi auguro che il Movimento dell’acqua si associ in breve a questa lotta che potrebbe essere vittoriosa, mettendo un grosso ostacolo anche al TTIP
Vi ricordo che entro il 2015 EFSA e UE devono riautorizzare il glifosato e che il Parlamento Olandese l’ha già proibito da fine 2015 per uso non agricolo”
un caro saluto

Il pesticida più usato al mondo, e in Italia, è appena stato dichiarato “probabilmente cancerogeno”. Ma lo produce la Monsanto che sta usando tutta la sua enorme influenza per censurare la ricerca scientifica. Senza una mobilitazione globale…

Pesticidi da ambiente e cibo aumentano rischi cardiovascolari

Il DDT, insetticida policlorurato, usato fin dal 1938 è vietato dagli anni ’70 in molti Paesi. Si tratta di un inquinante organico persistente e i suoi metaboliti sono ancora ben presenti nell’ambiente e sono entrati nelle catene alimentari. Si tratta di sostanze la cui … Continua a leggere

Dillo l’EPA e FDA: sospendere immediatamente erbicida Roundup della Monsanto.

Abbiamo raggiunto 143.643 del nostro obiettivo di 200.000.  71%

Per firmare la petizione clicca qui

Dillo EPA Administrator Gina McCarthy e il commissario della FDA Margaret Hamburg:

“L’Organizzazione Mondiale della Sanità solo riclassificato erbicida Roundup della Monsanto come ‘probabile cancerogeno.’Smettere di dare Monsanto un pass gratuito per … Continua a leggere

Convegno “Piano d’azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari

Roma, 14 aprile 2015 ore 9,30-17,30

Il 14 aprile 2015 si terrà a Roma presso la sede del C.N.R. il Convegno “Piano d’azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione”, promosso dai Ministeri dell’Ambiente, delle Politiche Agricole, della Salute e dal C.N.R. (Programma del Convegno allegato).

Il Piano d’azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, adottato in Italia con D.M. 22 gennaio 2014, ha lo scopo di:

–        ridurre i rischi e gli impatti dei prodotti fitosanitari sulla salute umana, sull’ambiente e sulla biodiversità;

–        promuovere l’applicazione della difesa fitosanitaria integrata, dell’agricoltura biologica e di altri approcci alternativi alla difesa delle piante coltivate che escludono il ricorso a prodotti chimici di sintesi;

–        proteggere gli utilizzatori dei prodotti fitosanitari e la popolazione potenzialmente esposta;

–        tutelare i consumatori;

–        salvaguardare l’ambiente acquatico  (compresa l’acqua potabile) e la biodiversità.

Il Convegno che si terrà presso la sede del CNR a Roma (Sala Convegni – Ingresso Via dei Marruccini) ha lo scopo di avviare il confronto tra i principali attori del Piano, per favorire l’integrazione delle diverse componenti coinvolte (agricoltura, ambiente e salute) e le azioni per valorizzare le produzioni agro-alimentari italiane in termini di qualità, sicurezza e sostenibilità.

L’iscrizione al Convegno dovrà essere comunicata al seguente indirizzo:

http://www.reterurale.it/eventopan

 

Area degli allegati

Visualizza anteprima allegato Programma_Convegno 14 aprile 2015 PAN Prodotti fitosanitari Rev.31.03.15.pdf

Programma_Convegno 14 aprile 2015 PAN Prodotti fitosanitari Rev.31.03.15.pdf

 

Pesticidi: glifosato, ambientalisti chiedono messa al bando in Italia

GREENSTYLE.IT TVRimedi naturali per la tosse secca Le associazioni ambientaliste e le associazioni degli agricoltori biologici sono sul piede di guerra. A scatenare l’indignazione di Legambiente, AIAB, Slow Food, FAI, LIPU e di altre importanti associazioni ambientaliste e agricole italiane è stata … Continua a leggere

CONVEGNO DI STUDI A PESCARA : AMBIENTE E’ SALUTE

Ridurre l’esposizione delle popolazioni agli inquinanti ambientali: prima ed efficace misura per garantire il diritto alla salute delle persone.

Si è svolto sabato 14 marzo 2015 a Pescara il convegno di studi su “Ambiente è salute”

 

Si è svolto sabato 14 marzo 2015 a Pescara il convegno di studi … Continua a leggere

RICCARDO VALENTINI: PRESENTATA PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE PER PROMUOVERE LA FILIERA CORTA

“Produrre nel territorio e per il territorio, valorizzare i prodotti regionali di qualità e sviluppare al tempo stesso un’economia green al servizio del cittadino, garantendo la biodiversità, salvaguardando le vocazioni dei territori e riducendo le sostanze chimiche inquinanti e le emissioni da trasporto per produrre cibo di qualità nel rispetto … Continua a leggere

Rifare l’Italia – Le proposte del PSI – Conferenza programmatica Città di Castello

http://www.dailymotion.com/P_S_I

Video recenti

45:01

Psi. Rifare l'Italia. Città di Castello 13 dicembre 2014. X parte

03:52

Psi. Rifare l'Italia. Città di Castello 13 dicembre 2014. XI parte

45:01

Psi. Rifare l'Italia. Città di Castello 13 dicembre 2014. IX parte

45:01

Psi. Rifare l'Italia. Città di Castello 13 dicembre 2014. VIII parte

45:01

Psi. Rifare l'Italia. Città di Castello 13 dicembre 2014. VII parte

45:01

Psi. Rifare l'Italia. Città di Castello 13 dicembre 2014. VI parte

01:29

Nencini: Rifare l'Italia significa definire una nuova missione per tutti gli italiani

31:23

Psi. Rifare l'Italia. Città di Castello 13 dicembre 3014. V parte

45:01

Psi. Rifare l'Italia. Città di Castello 13 dicembre 3014. IV parte

Tutti i video

Playlist

Ancora nessuna playlist

IL VELENO E’ IN TAVOLA (2011), di Silvio Tendler (doppiato in italiano) – Il dramma dei Pesticidi e l’alternativa Agroecologica

RINGRAZIAMO IL PROF. GIUSEPPE ALTIERI PER QUESTA SEGNALAZIONE CHE PUBBLICHIAMO.
L’eccezionale documentario ci spiega perché bisogna vietare i pesticidi e passare all’Agroecologia e alla coltivazioni biologiche, collegando produttori e consumatori, per una sovranità alimentare nazionale, dove il cibo sano sia un diritto e non solo una merce, nel rispetto della Costituzione che tutela il diritto alla salute, all’ambiente e al paesaggio, allo sfruttamento razionale per la conservazione della fertilità dei terreni (e degli esseri umani) per le generazioni future.Ma bisogna fermare i produttori e i venditori di Pesticidi che hanno provocato un vero e proprio sterminio di massa, della natura e dell’uomo. In primis con azioni legali da parte delle associazioni di vittime dei Pesticidi che dovranno chiedere i danni alle ditte produttrici di prodotti agrotossici, i cui effetti dannosi sulla salute sono accertati da tempo. Così come è avvenuto nel caso dell’Amianto.Mentre l’Italia ha raggiunto il record mondiale dei tumori dell’infanzia, perdendo circa 10 anni di aspettativa di vita sana nell’ultimo decennio, con oltre 100 miliardi di € all’anno di spesa cosiddetta “sanitaria”, l’Europa ha messo a disposizione delle Regioni Italiane molti miliardi di € per sostenere la riconversione biologica dell’agricoltura, attraverso la compensazione dei cali di rese e dei maggiori costi di manodopera (occupazione), più il 20% per le spese di riconversione e il 30% per le azioni collettive sul territorio…Coltivare biologico, quindi, dovrebbe convenire per legge, sulla base di  un regolamento comunitario obbligatorio e prioritario. I pagamenti agroambientali necessari a riconvertire tutta l’agricoltura italiana al biologico sono quantificabili in circa 4-5 miliardi di € all’anno. A fronte di un mercato di Pesticidi di circa 1-1,5 miliardi di €, i cui danni economico-sanitari sono però enormi, ai quali si aggiungono almeno 8 miliardi all’anno per il dissesto idrogeologico e le alluvioni causate dalla distruzione dell’humus dei terreni che non trattengono più l’acqua. L’Italia ha a disposizione oltre 70 miliardi di € per il sostegno dei redditi degli agricoltori e dello sviluppo rurale “agroecologico” dal 2015 al 2020, cui si aggiungono diversi miliardi non spesi della vecchia programmazione 2007-2013 utilizzabili fino al 2015.Questi soldi non devono più finire nelle tasche di chi acquista pesticidi chimici, come è successo negli ultimi 20 anni attraverso la falsificazione dell’Agricoltura Integrata o altre forme di agricoltura, i cui disciplinari prevedono altissimi impieghi di pesticidi, addirittura superiori al normale uso convenzionale. Oggi, con l’entrata in vigore dell’obbligo di agricoltura integrata su tutto il territorio nazionale dal 1 gennaio 2014 (ai sensi del D. Lgs 150 del 14 agosto 2012), non si possono più erogare Pagamenti Agroambientali per questa forma di agricoltura. Tutti gli agricoltori devono impiegare prioritariamente le tecniche biologiche alternative a quelle chimiche, disponibili e registrate al commercio, ovvero efficaci e sufficienti  a garantire una produzione economica, sulla base del Principio di Precauzione europeo, pena la perdita del contributo di sostegno al reddito della PAC. L’eventuale uso di prodotti chimici che si rendessero necessari dev’essere prescritto da un tecnico esperto abilitato…

Ma tutto ciò ancora non avviene nel nostro “Bel Paese” e, nonostante le regole europee siano opposte, l’Italia si è comportata come il Brasile, di fatto sostenendo l’incremento continuo dell’uso di Pesticidi e Disseccanti arancio. e sono in corso ricorsi amministrativi da parte degli ordini professionali e degli agricoltori biologici.

buona visione

Giuseppe Altieri, Agroecologo

by gruppodistudioambientesalute

————

“IL VELENO E’ IN TAVOLA ” (2011 – doppiato in italiano)
Presentato a Rio de Janeiro il 25 luglio 2011, di fronte a più di 800 persone nel Teatro Casa Grande, il documentario realizzato da Silvio Tendler per la “Campagna contro i pesticidi e per la vita” mostra in 50 minuti gli enormi danni causati da un modello agricolo basato sull’agrobusiness. Oltre alle aggressioni all’ambiente, i veleni sempre più utilizzati nelle piantagioni causano seri rischi per la salute tanto del consumatore finale quanto degli agricoltori esposti quotidianamente all’intossicazione. In questa storia, le uniche a guadagnarci sono le grandi imprese transnazionali come Monsanto, Syngenta, Bayer, Dow, DuPont, tra le altre. Il documentario racconta come la cosiddetta Rivoluzione Verde del dopo-guerra eliminò l’eredità dell’agricoltura tradizionale, impiantando un modello che minaccia la fertilità del suolo, le riserve d’acqua e la biodiversità, contaminando persone e aria. Il Brasile è il paese che consuma più veleni nel mondo.5,2 litri all’anno per abitante. I prodotti biologici sono difficilmente accessibili alla popolazione a causa dell’alto costo. Tra l’altro in Brasile ci sono incentivi fiscali per chi usa pesticidi in agricoltura generando una contraddizione tra la salute della popolazione e l’economia del paese e privilegiano la seconda.

Visualizza anteprima video YouTube Il veleno è in tavola 1 (un film di Silvio Tendler)

Il veleno è in tavola 1 (un film di Silvio Tendler)

Visualizza anteprima video YouTube Il veleno è in tavola 2 (un film di Silvio Tendler)

Il veleno è in tavola 2 (un film di Silvio Tendler)

Visualizza anteprima video YouTube Il veleno è in tavola 3.mp4

Il veleno è in tavola 3.mp4

Visualizza anteprima video YouTube Il veleno è in tavola 4

Il veleno è in tavola 4

 

OGM: scienza del profitto o scienza per la vita?

Riceviamo e pubblichiamo con il nostro totale sostegno la lettera del Prof. Michele Trimarchi (Presidente – Fondatore della International Society of Neuropsychophysiology) e del dr. Enrico Lucconi (Direttore Associazione sementieri mediterranei) in difesa di una visione olistica del ruolo della scienza e del lavoro pluriennale di VANDANA SHIVA,scienziata al servizio dell’intera umanità perché ama … Continua a leggere

AGRICOLTURA E SALUTE: IL CASO PESTICIDI. Documenti dal convegno ISDE di Arezzo

Si è svolto ad Arezzo il 24 e 25 ottobre 2014 il convegno “AGRICOLTURA E SALUTE: IL CASO PESTICIDI”, promosso da ISDE Italia e Ordine dei Medici di Arezzo.

gruppodistudioambientesalute

PROGRAMMA ISDE AREZZO 2014

Gli interventi sono stati numerosi. Ne indichiamo solo alcuni, nel tentativo di cogliere i … Continua a leggere

Monsanto deve pagare 93 milioni di dollari per aver avvelenato i cittadini di Nitro

per l’articolo originale clicca qui

La Corte Suprema dello stato del West Virginia ha stabilito che la multinazionale americana di biotecnologie Monsanto dovrà pagare 93 milioni di dollari alla piccola città di Nitro ( West Virginia … Continua a leggere