STRUMENTI INNOVATIVI PER L’ACCESSO AL CREDITO – Incontro 24 maggio 2018

Abbiamo il piacere di invitarvi giovedì 24 alle ore 14.30 all’appuntamento viterbese del Roadshow organizzato in collaborazione con Artigiancassa e Banca del Mezzogiorno-MCC per illustrare Fare Lazio, lo strumento di finanziamento regionale per il sostegno all’accesso al credito e alle garanzie rivolto a PMI e liberi professionisti.

Giulio … Continua a leggere

La ISDE dal Prefetto sulle problematiche ambientali e sanitarie derivanti dal degrado della qualità delle acque e dell’ecosistema del lago di Vico

Si è svolto lunedì 21 maggio 2108  presso la  Prefettura di Viterbo  un incontro sulle problematiche

ambientali e sanitarie derivanti dal degrado della qualità delle acque e dell’ecosistema del lago di Vico

 

Si è svolto lunedì 21 maggio 2108  presso la  Prefettura  di Viterbo  un incontro sulle problematiche ambientali … Continua a leggere

Istat: il rapporto 2018 afferma che igli italiani usano poco bus, tram e filobus

Istat: il rapporto 2018 afferma che igli italiani usano poco bus, tram e filobus da trasporti-italia.com

MERCOLEDÌ 16 MAGGIO 2018 16:52:29

Da un recente rapporto Istat emerge che in Italia il trasporto pubblico locale appare sottoutilizzato. Gli utenti abituali di autobusfilobus tram sono l’11,2% dei residenti di 14 anni e più. Nel 2016, … Continua a leggere

Il rapporto ISPRA sui pesticidi nelle acque – Bengasi Nattisti chiede interventi legislativi alla Regione Lazio.

Bengasi Battisti Medico e Consigliere Comunale. Direttivo Associazione Nazionale Comuni Virtuosi

Sono 259 i pesticidi trovati nelle acque italiane, con il potente e diffuso erbicida glifosate che insieme al suo metabolita AMPA, presenta il maggior numero di superamenti (rapporto ISPRA 2015/2016).

Nel 2016 nelle … Continua a leggere

Fare lazio appuntamento viterbese

Buongiorno a tutti,

abbiamo il piacere di invitarvi giovedì 24 alle ore 14.30 all’appuntamento viterbese del Roadshow organizzato in collaborazione con Artigiancassa e Banca del Mezzogiorno-MCC per illustrare Fare Lazio, lo strumento di finanziamento regionale per il sostegno all’accesso al credito e alle garanzie rivolto a PMI e … Continua a leggere

Futuro dell’Unione Europea dopo la Brexit. Consultazione pubblica avviata

Articolo di Redazione aduc.it  14 maggio 2018 15:41 In occasione della “giornata dell’Europa”, lo scorso 9 maggio, la Commissione europea ha lanciato una vasta consultazione online per raccogliere l’opinione dei cittadini europei in merito all’avvenire dell’Unione Europea dopo la Brexit.
Le domande poste in questa consultazione … Continua a leggere

Porti Tirreno: Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta verso la Zona Logistica Speciale

 da www.trasporti-italia.com VENERDÌ 11 MAGGIO 2018 10:23:18

L’AdSP del Mar Tirreno Centro Settentrionale si è fatta promotrice dell’istituzione delle Zone Logistiche Speciali e, in questa fase, è supportata da Unindustria Civitavecchia e Unindustria Cassino.

Il prossimo 17 maggio si terrà, infatti, una riunione con gli operatori della logistica e i proprietari … Continua a leggere

IN EXTREMIS, PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI di Peppe Sini

Vorrei proporre alle tante persone – credo l’immensa maggioranza della popolazione italiana – come me preoccupate che nel nostro paese vada al governo l’estrema destra razzista, di scrivere al Presidente della Repubblica per pregarlo di esercitare pienamente la sua fondamentale funzione di garante della legalita’ costituzionale, di garante del nostro … Continua a leggere

Pesticidi obbligatori contro la xylella, critiche al decreto Martina

L’Associazione Isde – Medici per l’Ambiente critica con durezza il decreto del ministro Martina che ha imposto l’utilizzo dei pesticidi dove esiste il problema della xylella. “I pesticidi dannosi per … Continua a leggere

Allarme glifosato: più di 259 pesticidi nell’acqua potabile italiana

 VIDEO

Secondo le ultime analisi, le acque italiane sarebbero ricche di pesticidi, tra cui glifosato.

L’utilizzo sempre più diffuso di pesticidi e sostanze chimiche nell’agricoltura continua a mettere a rischio la nostra salute. A ribadirlo è stata una delle ultime analisi effettuate sull’acquasuperficiale e in profondità nell’intera penisola italiana: secondo quanto riscontrato, nell’acqua che beviamo ci sono più di 259 tipologie di sostanze tossiche tra cui il glifosato. La situazione descritta dall’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) riguarda in maggior misura alcune aree dell’Italia, nelle quali sono stati predisposti controlli più frequenti.

Il rapporto dell’Ispra sulle acque italiane

Nelle scorse ore, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale ha reso noti i risultati ottenuti dalle analisi delle acque superficiali che bagnano l’intera penisola italiana.

Quanto descritto dall’Ispra ha messo in luce una situazione tanto allarmante quanto pericolosa per la salute [VIDEO], per via del fatto che è emersa la grande contaminazione da parte dell’aldicarb: si tratta di un potente insetticida che si degrada con molta difficoltà, passando invece molto facilmente nelle falde acquifere grazie all’azione delle piogge. Tale sostanza particolarmente nociva per la salute umana e non è stata riscontrata nel 67% dei 1.554 siti in cui sono stati prelevati campioni di acqua. Ma non finisce qui: l’analisi è stata condotta anche in profondità, dove è stata invece riscontrata la presenza dell’atrazina. Quest’ultimo è un principio attivo presente in alcuni erbicidi ed è stato più volte oggetto di studi approfonditi legati alla possibile cancerogenicità; anche se non tutti i test sono stati concordi, è accertata la pericolosità nei confronti delle ovaie dei criceti e la femminizzazione degli esemplari maschi di alcune specie animali come gli anfibi.

Infine il glifosato è stato ritrovato nel 48% dei siti esaminati.

Le zone maggiormente inquinate

Quanto è emerso dal quadro delineato dall’Ispra è stato poi integrato dal Ministero dell’Ambiente, il quale ha specificato le aree maggiormente coinvolte dall’inquinamento. Tra le regioni italiane, quella del Veneto, del Piemonte, dell’Emilia Romagna, della Toscana e del Friuli-Venezia Giulia sono le più colpite e proprio per questo motivo si è deciso di effettuare un numero più elevato di controlli in tutta l’Italia del Nord. La presenza di prodotti pericolosi [VIDEO] come pesticidi ed erbicidi è stata riscontrata anche in Sicilia con un esito positivo nel 60% dei punti esaminati. Nonostante questi dati allarmanti, l’Ispra ha comunque registrato rispetto agli anni passati un calo del 36,7% della vendita dei prodotti tossici e molto tossici; al contempo però Rossella Muroni, ex presidente della Legambiente, ha fatto notare come siano state trovate sostanze vietate persino da 10-20 anni.

Orgogliosamente motorizzato da Parabola & WordPress.