Pfas, dal 4 maggio inizia la battaglia con Unione Europea

 01.04.2018 da il giornale di vicenza clicca qui per l’articolo originale

«Pfas, dal 4 maggio
inizia la battaglia
con Unione europea»

Mara Bizzotto (Lega)

Mara Bizzotto (Lega)

«È sacrosanto che i sindaci … Continua a leggere

Lo psichiatra Vittorino Andreoli: “Livello di civiltà disastroso, regrediti alla cultura del nemico”

MIGRAZIONI E RAZZISMO This content is available in English

14 luglio 2016 clicca qui per l’articolo originale 

Nonostante il refrain contro i migranti sia sempre lo stesso: “Premesso che non sono razzista…”, nelle società occidentali il … Continua a leggere

ONU. Estinzione umana più vicina

marzo 25, 2018 per la’articolo originale clicca qui

 

La biodiversità di tutte le regioni del mondo continua a calare pericolosamente minacciando il benessere umano, hanno avvertito gli esperti Onu a Medellin, Colombia, quando hanno presentato quattro rapporti … Continua a leggere

La commissione europea ha avviato l’esame della petizione proposta dall’AICS provincia di Viterbo

La commissione europea ha avviato l’esame della petizione n. 0845/2017 sulla Geotermia proposta dall’AICS Comitato provinciale di Viterbo come primi firmatari Dario Mazzalupi e Raimondo Chiricozzi

 

 

PETIZIONE … Continua a leggere

Ambiente: Mattarella, “grande sfida del secolo è garantire l’accesso per tutti all’acqua potabile e sicura”

CONVEGNO FAI da agensir.it

24 febbraio 2018 @ 11:57

“La grande sfida di civiltà del XXI secolo: garantire, in attiva collaborazione tra società civile, istituzioni e organismi internazionali, l’accesso per tutti all’acqua potabile e sicura, diritto umano universale, divenuto uno degli obiettivi dell’agenda … Continua a leggere

Voglio poter urlare, anche se poi mi sparano addosso – Mio fratello che guardi il mondo Fiorella Mannoia e Claudio Baglioni

 

 

 

Sanremo 2018: emozionante duetto di Fiorella Mannoia e Claudio Baglioni in
SABATO 10 FEBBRAIO 2018

Sanremo 2018: emozionante duetto di Fiorella Mannoia e Claudio Baglioni in “Mio Fratello che guardi il Mondo”

CRISTIAN PEDRAZZINI

 

SCARICA L’ARTICOLO IN FORMATO PDF

Ancora magia sul palco dell’Ariston grazie alla bravura di Pierfrancesco Favino, in un brano da La notte poco prima della foresta di Bernard-Marie Koltès, storia di estraneità e di esclusione, appena andata in scena all’Ambra Jovinelli di Roma, che insieme alle voci di FiorellaMannoia e Claudio Baglioni hanno interpretato in un modo davvero straordinario un brano di Ivano Fossati: “Mio Fratello che guardi il mondo”, scritta nel 1992. Il brano parla dei bisogni delle persone, della povertà, delle ingiustizie e della dignità. Ma “se non c’è strada dentro al cuore degli altri prima o poi si traccerà”. Una riflessione per scoprire quanta bellezza, umanità e poesia ci siano spesso nei tanti “invisibili” che vivono ai bordi delle nostre strade, e non restare “imprigionati nella globalizzazione dell’indifferenza” – come ama ripetere Papa Francesco.

Mio fratello che guardi il mondo
e il mondo non somiglia a te.
Mio fratello che guardi il cielo
e il cielo non ti guarda.

Se c’è una strada sotto il mare
prima o poi ci troverà,
se non c’è strada dentro al cuore degli altri
prima o poi si traccerà.

Sono nato e ho lavorato in ogni paese
e ho difeso con fatica la mia dignità.
Sono nato e sono morto in ogni paese
e ho camminato in ogni strada del mondo che vedi.

Mio fratello che guardi il mondo
e il mondo non somiglia a te.
Mio fratello che guardi il cielo
e il cielo non ti guarda.

Se c’è una strada sotto il mare
prima o poi ci troverà,
se non c’è strada dentro al cuore degli altri prima o poi si traccerà.

per il video dell’interpretazione di Fiorella Mannoia e Claudio Baglioni del  clicca qui 

Associazione italiana medici per l’ambiente – Isde : “ Persiste l’inadeguatezza dei sistemi di potabilizzazione. Abbandonare subito la captazione dell’acqua dal lago di Vico per tutelare la salute delle popolazioni di Caprarola e Ronciglione

NON METTIAMO PIU’ LA TESTA SOTTO LA SABBIA!!!

Facciamo attenzione perché c’è ancora chi propone di alzare il parametro della microcistina ammesso nelle acque potabili. Non dobbiamo permetterglielo. Gli amministratori responsabili debbono impedire questa manovra vergognosa che ci darà acqua potabile che potabile non può essere perchè contenente la planthotrix rubescens … Continua a leggere

IL MERITO E IL BISOGNO – Milano 10-11 novembre 2017

“Il Merito e il Bisogno”. Milano – 10/11 novembre 2017
Fast – Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche
Piazzale Rodolfo Morandi, 2 Milano

Programma:

Venerdì 10 novembre
Saluti. Mauro Broi
Presiede Carlo Tognoli
Continua a leggere

NO ALLA POLITICA DEL PICCOLO CABOTAGGIO, OCCORRE LA PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO

                20 ottobre 2017

Dopo l’approvazione dello statuto, dell’atto costitutivo e la nomina del presidente nella persona di Mario Tofanicchio e del consiglio direttivo, Diego Lazzari vice presidente, Raimondo Chiricozzi segretario, … Continua a leggere

IL PAPA ALLA FAO: “ELIMINIAMO I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LE GUERRE”

Papa alla Fao

Cambiamenti climatici e malnutrizione. Nella Giornata mondiale dell’alimentazione, Papa Francesco è intervenuto alla Fao e ha puntato il dito contro il global warming e le sue conseguenze.

Questa mattina, Papa Bergoglio ha inaugurato la scultura donata alla Fao, che raffigura Alan Kurdi, il bambino siriano annegato nel 2015, la cui immagine è diventata il simbolo della drammatica situazione dei rifugiati. Dopo ha lanciato un monito ai governi di tutto il mondo, invitandoli a collaborare per rendere l’emigrazione una scelta più sicura e volontaria, ma anche a garantire la sicurezza alimentare affrontando i cambiamenti climatici e ponendo fine ai conflitti. Già, perché è proprio dal clima e dalle guerre che dipende la sicurezzaalimentare a livello mondiale:

“È chiaro che le guerre e il cambiamento climatico sono causa di fame, quindi non presentiamo la fame come se fosse una malattia incurabile”,ha detto il pontefice nel suo intervento di apertura della cerimonia.

Secondo il pontefice, per proteggere il pianeta e i suoi abitanti occorre un cambiamento negli stili di vita, nell’uso delle risorse e nella produzione e consumo di cibo.

“Quante sono le vittime della malnutrizione, delle guerre, dei cambiamenti climatici? Quanti mancano del lavoro e dei beni essenziali e si vedono costretti a lasciare la loro terra, esponendosi a molte e terribili forme di sfruttamento?” chiede il Pontefice.

Secondo il Papa le conseguenze dei cambiamenticlimatici,sono ogni giorno sotto i nostri occhi eppure alcuni stati, tra cui l’America, sembrano non accorgersene e stanno facendo addirittura un passo indietro:

La comunità internazionale è andata elaborando anche strumenti giuridici necessari, come per esempio l’Accordo di Parigi, dal quale, però,alcuni si stanno allontanando. Riemerge la noncuranza verso i delicati equilibri degli ecosistemi, la presunzione di manipolare e controllare le limitate risorse del pianeta, l’avidità di profitto. È pertanto necessario lo sforzo per un consenso concreto e fattivo se si vogliono evitare effetti più tragici, che continueranno a gravare sulle persone più povere e indifese. Siamo chiamati a proporre un cambiamento negli stili di vita, nell’uso delle risorse, nei criteri di produzione, fino ai consumi che, per quanto riguarda gli alimenti, vedono perdite e sprechi crescenti. Non possiamo rassegnarci a dire ‘ci penserà qualcun altro‘” ha detto il Papa.

 

Qui il video dell’intervento del pontefice:

La Giornata Mondiale dell’alimentazione è stata segnata quest’anno dal dato che la fame è aumentata per la prima volta in oltre un decennio, colpendo 815 milioni di persone, l’11% della popolazione mondiale. Un aumento dovuto in gran parte alla diffusione di conflitti violenti e alle conseguenze legate ai cambiamenti climatici.

Alla cerimonia è intervenuto anche il Presidente del Madagascar, Hery Martial Rakotoarimanana Rajaonarimampianina, il cui paese sta affrontando l’impatto del cambiamento climatico, che ha detto:

“I giovani e le donne sono i più colpiti dagli spostamenti forzati di popolazione (legati al cambiamento climatico). Se vogliamo cambiare il paradigma dell’emigrazione, dobbiamo trovare soluzioni nei paesi di origine”.

LEGGI anche:

La fame alimenta l’emigrazione. Su questo punto tutto d’accordo.

Francesca Mancuso

Giornata dell’alimentazione: Bergoglio, clima tra le cause delle fame

Azioni dell’uomo contro il cambiamento climatico

Una delle cause del cambiamento climatico risiede nell’inquinamento ambientale, provocato in gran parte dai gas che l’uomo con le sue attività scarica nell’ambiente. In questo filmato d’animazione si mostra invece come pochi gesti potrebbero ridurre drasticamente l’inquinamento in primis.

Azioni dell’uomo contro il cambiamento climatico

clicca qui per il video
Una delle cause del cambiamento climatico risiede nell’inquinamento ambientale, provocato in gran parte dai gas che l’uomo con le sue attività scarica nell’ambiente. In questo filmato d’animazione si mostra invece come pochi gesti potrebbero ridurre drasticamente l’inquinamento in primis.

Oggi 16 ottobre si celebra la Giornata mondiale dell’Alimentazione. Data scelta per celebrare la fondazione della FAO (avvenuta il 16 ottobre 1945) e per ricordare l’importanza che ricopre la lotta alla fame e alla malnutrizione nel mondo. Tema centrale dell’edizione di quest’anno è “Change the future of migration. Invest in food security and rural development” (Cambiamo il futuro delle migrazioni. Investiamo nella sicurezza alimentare e nello sviluppo rurale.).

A sottolineare l’importanza di celebrare la Giornata mondiale dell’Alimentazione alcuni numeri diffusi dalla stessa FAO, che ricordano come la distribuzione di cibo nel mondo sia attualmente tutt’altro che uniforme o equa. A cominciare dal fatto che, come riportato dalla Food and Agriculture Organization of the United Nations, il cibo attualmente prodotto sarebbe sufficiente a sfamare l’intera popolazione mondiale eppure circa 800 milioni di persone sono sottoposte alla fame. Inoltre il 45% delle morti infantili nel mondo è legato al fenomeno della malnutrizione.

=> Leggi i rischi per l’alimentazione umana legati alla nuova estinzione di massa

Altro capitolo fondamentale nella lotta al fame e alla malnutrizione è quello dello spreco alimentare. Sempre secondo dati FAO circa un terzo del cibo prodotto a livello mondiale finisce nella pattumiera, per un equivalente di 1,3 miliardi di tonnellate: un quantitativo utile, secondo l’organizzazione, a sfamare circa 4 volte gli 800 milioni di persone esposte alla fame.

Spreco alimentare che si ripercuote anche sul clima, con la “carbon footprint” (l’impronta di carbonio) equivalente a circa un terzo di quella causata dai combustibili fossili. Sul tema della nutrizione mondiale è intervenuto anche Papa Francesco, tra gli ospiti più attesi in occasione dell’evento principale FAO, in programma oggi a Roma presso la sede principale dell’organizzazione.

=> Scopri la nuova legge italiana sullo spreco alimentare

Il Pontefice è intervenuto ricordando come la fame nel mondo non debba essere presentata come una “malattia incurabile”, ma affrontata e combattuta con i mezzi più efficaci. A cominciare dalla lotta alle guerre e ai cambiamenti climatici, tra i maggiori responsabili odierni della malnutrizione. Bergoglio in questo senso ha “bacchettato” il presidente USA Trump, colpevole di aver sottratto gli Stati Uniti a un accordo importante per le sorti dell’umanità. Lo stesso Papa ha concluso infine affermando come:

L’istituzione della FAO è arrivata in un momento di grande insicurezza alimentare, con milioni di persone affamate dalla guerra. L’attualità di oggi deve spingerci a una rinnovata responsabilità, non solo in termini di produzione ma anche di credibilità del sistema internazionale. Non si può accettare il compromesso. Dobbiamo far sì che tutti possano guardare al futuro con speranza, senza illusioni, soprattutto a chi fugge dalle guerre e subisce gli effetti del cambiamento climatico.

Pfas, Isde: “Nelle acque è ammissibile solo il valore zero”

Ammissibile solo il limite zero per le sostanze perfluoroalchiliche (Pfas) nelle acque. “I valori proposti dalla Regione Veneto non sono, non possono e non devono essere considerati come protettivi per la salute umana”. Lo denuncia in una nota l’associazione italiana medici per l’ambiente Isde.

da meteoweb.eu

“Per le sostanze tossiche e cancerogene, … Continua a leggere

Le grandi battaglie vinte da AVAAZ e le vittorie

Cari avaaziani,

è incredibile: stiamo sconfiggendo i più grandi Golia dei nostri giorni, giganti che nessuno pensava si potessero abbattere! E solo nelle ultime settimane abbiamo ottenuto delle vittorie incredibili:

  • un cambio totale di posizione del corrotto Presidente del Brasile intenzionato a distruggere una parte dell’Amazzonia grande come la Danimarca;
  • un ordine di … Continua a leggere