Pagati 4 euro l’ora per essere trattati come schiavi. L’orrore delle vittime del caporalato a Latina

https://www.greenme.it/informarsi/agricoltura/30129-caporalato-latina?utm_source=newsletter_1526&utm_medium=email&utm_campaign=verde-quotidiano&auid=72157

Francesca Mancuso INFORMARSIAGRICOLTURA 17-01-2019

caporalato Latina

Pagati 4 euro l’ora, trattati come schiavi e costretti a lavorare 12 ore di fila nei campi senza sosta. A Latina la Polizia ha alzato il velo su un nuovo crudele caso di caporalato. Si parla di circa … Continua a leggere

Tutti noi per sopravvivere abbiamo bisogno dell’acqua

http://www.lipu.it/protectwater?utm_source=dem&utm_medium=email&utm_content=caccia&utm_campaign=daspo

FIRMA PER PROTEGGERE L’ACQUAL’acqua è fondamentale per la vita, ma è in pericolo. Aiutaci a salvarla con la tua firmaFIRMA ORA
Proteggi L’acqua

Ma senza fiumi, laghi e zone umide in buono stato di salute, non ci sarebbe acqua potabile per … Continua a leggere

Il cambiamento climatico è all’origine delle migrazioni. Ma la politica nega l’allarme

SOS TERRA

«Con la consueta miopia, amministratori e leader cercano di ritardare azioni urgenti. Per questo come scienziati abbiamo il dovere di farci sentire con maggior forza». Parola dell’epidemiologo Paolo Vineis

DI FRANCESCA SIRONI 10 gennaio 2019 da espressorepubblica.it

«Il cambiamento climatico  … <a class= Continua a leggere

La nocciola, ricchezza o condanna per il Lago? 1: I rischi ambientali

da osservatorio del Lago di Bolsena

è uno strumento della cittadinanza attiva: uno spazio virtuale che riceve e pubblica informazioni sullo stato dell’ecosistema del lago – rapporti, articoli, ricerche, segnalazioni di eventi e manifestazioni, e osservazioni di fenomeni inusuali come inquinamenti e abusi. Intendiamo dare seguito ai … Continua a leggere

Piano di caratterizzazione del lago di Vico

CARATTERIZZAZIONE LAGO DI VICO

lago_vico

23/05/2018 – La Regione e Arpa Lazio hanno completato l’esecuzione del Piano di indagine ambientale del Lago di Vico, necessario alla verifica del grado di compromissione delle matrici ambientali. 

ALLEGATI

Lago di Vico, nessuna contaminazione dovuta all’arsenico

Lago di Vico, nessuna contaminazione dovuta all’arsenico [1]Ronciglione – Il lago di Vico[2]Le armi ritrovate nella Chemical city tra il 1996 e il 2000

da tusciaweb

Viterbo – (dan.ca.) – Lago di Vico tutto apposto. Almeno per quanto riguarda arsenico e masse metalliche, quest’ultime riconducibili … Continua a leggere

Invasione di nocciole turche con aflatossine cancerogene

 28 Novembre 2018 da lacitta.eu  Coldiretti Viterbo 

Alberto Frau, direttore di Coldiretti Viterbo

Coldiretti Viterbo: Fortificare, monitorare e salvaguardare subito il prodotto locale.

E’ in atto in questi giorni una vera e propria invasione di nocciole dalla Turchia, con un aumento del 30% delle … Continua a leggere

467 modi in cui i cambiamenti climatici stanno già cambiando la nostra vita

AMBIENTE  da lifegate.it Pubblicato il 27 NOV 2018 di ANDREA BAROLINI
Uno studio pubblicato dalla rivista scientifica Nature Climate Change spiega in che modo i cambiamenti climatici già colpiscono la nostra quotidianità.

cambiamenti climatici non si manifestano soltanto con gli uragani sempre più potenti che colpiscono l’America centrale, né solo con i fenomeni eccezionali come quelli ai quali si è assistito in Italia nel corso dell’autunno. Le conseguenze degli stravolgimenti imposti al clima dalle attività umane sono in realtà già presenti in tutti i settori cruciali della vita dell’uomo. Dalla salute al cibo, dall’acqua all’economia, dalle infrastrutture alla sicurezza.

cambiamenti climatici conseguenze

I cambiamenti climatici non si manifestano solo con le loro conseguenze più eclatanti, come lo scioglimento dei ghiacci polari © Mario Tama/Getty Images

Decessi, fame, malattie: l’impatto sulla salute è già devastante

A certificarlo è un vasto studio pubblicato il 19 novembre dalla rivista scientifica Nature Climate Change. Secondo il quale l’umanità paga il prezzo della risalita della temperatura media globale, dovuta alla concentrazione di gas ad effetto serra nell’atmosfera terrestre, in ben 467 modi differenti.

Leggi anche: CO2, nuovo record. L’atmosfera terrestre sempre più satura

Nell’analisi vengono citate ad esempio le morti legate ai casi di ipertermia, nel corso delle ondate di calore che colpiscono zone non abituate a temperature così alte. Ma anche i decessi legati agli annegamenti dovuti alle inondazioni e quelli provocati dalle siccità estreme. Basti pensare che nella sola Etiopia, la fame causata dalla mancanza anormale di piogge ha provocato dal 1980 ad oggi 800mila morti. Ma sono stati conteggiati anche coloro che perdono la vita nel corso delle tempeste o asfissiati per via di incendi (come nel caso recente che ha riguardato la California).

A tutto ciò si aggiungono le persone che non muoiono ma la cui salute è compromessa dalle mutate condizioni climatiche. In questo senso, lo studio ricorda la recrudescenza di epidemie di malaria, dengue, colera o diarrea. Senza dimenticare i problemi legati alla salute mentale: a partire dalla depressioni post-traumatiche registrate dopo i passaggi degli uragani negli Stati Uniti o a seguito delle inondazioni che hanno colpito il Regno Unito nel 2007. O a quelle che attualmente si registrano in Australia, connesse a casi di suicidi, mentre il paese è afflitto dalla peggiore siccità della sua storia.

Ploy Achakulwisut, PhD@_aploy

467 ways is harming our health, food, water, infrastructure, economy and security. Stop saying “Save the Planet”. It’s us that are in dire need of saving. https://www.nature.com/articles/s41558-018-0315-6 

Visualizza altri Tweet di Ploy Achakulwisut, PhD

Le conseguenze dei cambiamenti climatici per agricoltura, acqua e infrastrutture

Ma ad essere colpita è anche la produzione agroalimentare. Lo studio fornisce in questo senso alcuni esempi eclatanti: un terzo dei cereali in Russia sono andati perduti a causa degli incendi e della siccità del 2010. Il che ha provocato anche il raddoppio del prezzo della materia prima sui mercati internazionali. I tre quarti del bestiame presente in Kenya sono morti a causa della mancanza di piogge nel 2000. Mentre negli Stati Uniti, ogni volta che la temperatura supera i 38 gradi centigradi, i rendimenti annuali delle colture scendono del 5 per cento.

L’analisi ricorda poi i problemi legati all’acidificazione degli oceani e all’aumento conseguente dello sbiancamento dei coralli. Il che diminuisce a sua volta l’habitat naturale della fauna acquatica.

cambiamenti climatici conseguenze

Le conseguenze di una pesante ondata di siccità in California, nel 2014 © Sullivan/Getty Images

Casi di difficoltà di approvvigionamento di acqua potabile, poi, sono sempre più frequenti. Emblematici i problemi riscontrati a Città del Capo, in Sudafrica. Ma anche l’erogazione di energia elettrica, i trasporti e le infrastrutture sono colpiti sempre più spesso. Dagli anni Ottanta ad oggi sono tredici milioni le case distrutte nel solo Bangladesh; nove milioni in Cina e due milioni in Pakistan. Senza parlare di ferrovie, strade, ponti, porti, dighe.

Alla fine del secolo si rischia di avere un miliardo di migranti climatici

Il che comporta ricadute dirette sui redditi, sulla ricchezza e sui posti di lavorodelle popolazioni colpite. Il costo economico delle catastrofi naturali (comprese quelle dipese dal clima) avvenute nel 2017, d’altra parte, è stato – secondo un rapporto della compagnia Swiss Re – pari a 306 miliardi di dollari in tutto il mondo.

Leggi anche: 12 anni per agire o il clima impazzirà

Tutto ciò, infine, è responsabile dell’aumento delle tensioni tra popoli e nazioni. E di decine di milioni di persone costrette a fuggire dalle proprie terre, divenute inabitabili. Nel luglio del 2017, un rapporto della Banca asiatica per lo sviluppo aveva spiegato che se la temperatura media globale sulla superficie delle terre emerse e degli oceani sarà cresciuta, alla fine del secolo, di più di 2 gradi centigradi rispetto ai livelli pre-industriali, per i paesi asiatici e per quelli che affacciano sul Pacifico gli effetti saranno disastrosi. Nel 2100, così, i migranti climatici in tutto il mondo potrebbero raggiungere la cifra impressionate di un miliardo.

Abbiamo la sostenibilità nel cuore. Se vuoi averla anche a casa, scegli energia 100% rinnovabile, 100% made in Italy con LifeGate. È semplice, puoi farlo da solo online. Attivala risparmiando in 4 click, clicca qui.

Tre milioni per la ricerca sul bio coinvolgendo le aziende

28 settembre, 2018

È stato firmato il decreto per la ricerca finalizzata allo sviluppo dell’agricoltura biologica, che prevede 3 milioni di euro di risorse per il finanziamento dei progetti. Lo fa sapere il ministero delle Politiche agricole, precisando che si avvia così ‘la selezione pubblica per la concessione di contributi a progetti rispondenti … Continua a leggere

Le nanotecnologie: efficaci ed eco-sostenibili per la protezione delle piante e degli alimenti

clicca qui per l’articolo originale tratta da lacitta.eu

 24 Settembre 2018  Viterbo CRONACA In una società in continua evoluzione, la salute e il benessere rimangono i fattori chiave per l’industria del cibo.

Un ruolo fondamentale in questo è … Continua a leggere

Emergenza inquinamento, in Italia crescono i tumori infantili

clicca qui

Emergenza inquinamento, in Italia crescono i tumori infantili

Aumentano le malattie oncologiche nelle zone più inquinate, e sale l’incidenza tra i più giovani. L’allarme degli epidemiologi in un convegno alla Camera dei Deputati

di SANDRO IANNACCONE 19 settembre 2018 ITALIA, è … Continua a leggere

L’illecito utilizzo di pesticidi compromette ambiente e salute trasformando -La Città di tutti- in deprimente -Città di pochi-.

da lacitta.eu

Bengasi Battisti Medico – Consigliere Comunale – Direttivo Associazione Nazionale Comuni Virtuosi

L’illecito utilizzo di pesticidi compromette ambiente e salute trasformando “La Città di tutti” in deprimente “Città di pochi“.

L’onorabilità della politica non prescinde dalla tutela dei diritti Costituzionali.

È  anche con il … Continua a leggere

Bio, Cambia la Terra: soldi pubblici in agricoltura sostengono uso pesticidi

da helpconsumatori.it

I soldi pubblici in agricoltura sostengono l’uso dei pesticidi. E al biologico, che copre quasi il 15% delle superfici agricole italiane, va meno del 3% dei finanziamenti europei e nazionali. In pratica sui campi “chi inquina viene pagato”. Questa la denuncia che arriva dal Rapporto “Cambia la … Continua a leggere

Il futuro è nelle mani del contadino locale non delle multinazionali

Dalla genuinità dei sapori del passato all’etica antispreco. Il fondatore di Slow Food Carlo Petrini ha tenuto mercoledì una conferenza all’Università della Svizzera italiana. Lo incontriamo nell’approfondimento della trasmissione “Il Quotidiano”, nella quale andremo anche alla scoperta di un presidio Slow Food di Poschiavo, il furmagin da Cion, che però formaggio non è…

(1)

Approfondimento del Quotidiano

tvsvizzera.it/Zz con RSI (Il Quotidiano del 19.04.2018)

Per orientarsi nell’Infinito / distinguer devi e poscia unire- Il bioregionalismo di Paolo D’Arpini

Noi bioregionalisti ed ecologisti profondi stiamo tutti lavorando, sia pure in modo disgiunto e differenziato, ad un cambiamento della società. In generale, per come capisco dalle situazioni in cui mi vengo … Continua a leggere

Orgogliosamente motorizzato da Parabola & WordPress.