“SIA APPROVATA LA LEGGE SULLO IUS SOLI”. UN INCONTRO A VITERBO

Si e’ svolto martedi’ 19 settembre 2017 a Viterbo presso il “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” un incontro di riflessione a sostegno della richiesta che sia approvata la legge sullo ius soli, che riconosce la cittadinanza italiana a tutti i bambini e agli adolescenti che sono nati in Italia, vivono in Italia, studiano in Italia, crescono nella lingua e nella cultura del nostro paese.
L’incontro e’ stato coordinato dal responsabile della struttura nonviolenta viterbese, Peppe Sini.
Nel corso dell’incontro sono stati anche letti e approvati alcuni appelli promossi da educatori ed intellettuali.
*
L’appello degli educatori
Noi insegnanti guardiamo negli occhi tutti i giorni gli oltre 800.000 bambini e ragazzi figli di immigrati che, pur frequentando le scuole con i compagni italiani, non sono cittadini come loro. Se nati qui, dovranno attendere fino a 18 anni senza nemmeno avere la certezza di diventarci, se arrivati qui da piccoli (e sono poco meno della meta’) non avranno attualmente la possibilita’ di godere di uguali diritti nel nostro paese. Ci troviamo cosi’ nella condizione paradossale di doverli educare alla “cittadinanza e Costituzione”, seguendo le Indicazioni nazionali per il curricolo – che sono legge dello stato – sapendo bene che molti di loro non avranno ne’ cittadinanza ne’ diritto di voto.
Questo stato di cose e’ intollerabile. Come si puo’ pretendere di educare alle regole della democrazia e della convivenza studenti che sono e saranno discriminati per provenienza? Per coerenza, dovremmo esentarli dalle attivita’ che riguardano l’educazione alla cittadinanza, che e’ argomento trasversale, obbligatorio, e riguarda in modo diretto o indiretto tutte le discipline e le competenze che siamo chiamati a costruire con loro.
Per queste ragioni proponiamo che noi insegnanti ed educatori martedi’ 3 ottobre ci si appunti sul vestito un nastrino tricolore, per indicare la nostra volonta’ a considerare fin d’ora tutti i bambini e ragazzi che frequentano le nostre scuole cittadini italiani a tutti gli effetti.
Chi vorra’ potra’ testimoniare questo impegno anche astenendosi dal cibo in quella giornata in uno sciopero della fame simbolico e corale.
Il 3 ottobre e’ la data che il Parlamento italiano ha scelto di dedicare alla memoria delle vittime dell’emigrazione e noi ci adoperiamo perche’ in tutte le classi e le scuole dove e’ possibile ci si impegni a ragionare insieme alle ragazze e ragazzi del paradosso in cui ci troviamo, perche’ una legge ci invita “a porre le basi per l’esercizio della cittadinanza attiva”, mentre altre leggi impediscono l’accesso a una piena cittadinanza a tanti studenti figli di immigrati che popolano le nostre scuole.
Ci impegniamo inoltre a raccogliere il numero piu’ alto possibile di adesioni e di organizzare, dal 3 ottobre al 3 novembre, un mese di mobilitazione per affrontare il tema nelle scuole con le piu’ diverse iniziative, persuasi della necessita’ di essere testimoni attivi di una contraddizione che mina alla radice il nostro impegno professionale.
Crediamo infatti che lo ius soli e lo ius culturae, al di la’ di ogni credo o appartenenza politica, sia condizione necessaria per dare coerenza a un’educazione che, seguendo i dettami della nostra Costituzione, riconosca parita’ di doveri e diritti a tutti gli esseri umani.
Al termine del mese consegneremo questa petizione ai presidenti dal Parlamento Laura Boldrini e Pietro Grasso tramite il senatore Luigi Manconi, presidente della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani, perche’ al piu’ presto sia approvata la legge attualmente in discussione al Parlamento.
Le e gli insegnanti ed educatori che operano in diverse realta0, associazioni, gruppi o scuole possono aderire all’appello collegandosi ad Appello degli insegnanti per lo ius soli e lo ius culturae, cliccando qui: https://goo.gl/forms/1AC6g081ttGQC9Ag2
Abbiamo anche creato il gruppo Facebook “Insegnanti per la cittadinanza”, esclusivamente per raccogliere proposte, esperienze e suggerimenti da condividere, per preparare le iniziative che si realizzeranno il 3 ottobre e nel mese successivo. Chiamiamo tutti a collaborare e cooperare per costruire una campagna di largo respiro che parta dalle scuole.
Primi firmatari: Franco Lorenzoni maestro elementare; Eraldo Affinati insegnante e scrittore, fondatore della scuola Penny Wirton; Giancarlo Cavinato segretario del Mce, Movimento di Cooperazione Educativa; Giuseppe Bagni presidente del Cidi, Centro di Iniziativa Democratica degli Insegnanti; Clotilde Pontecorvo presidente della Fitcemea; Gianfranco Staccioli segretario della Fitcemea; Roberta Passoni coordinatrice della Casa-laboratorio di Cenci; Paola Piva coordinatrice scuole migranti; Alessandra Smerilli scuola per stranieri Asinitas; Sara Honegger scuola per stranieri Asnada; Fiorella Pirola rete scuolesenzapermesso
*
L’appello di “A buon diritto”
Al Presidente della Repubblica Prof. Sergio Mattarella
Al Presidente del Senato Pietro Grasso
Alla Presidente della Camera Laura Boldrini
Ai cittadini italiani
Nell’epoca che stiamo vivendo, l’esilio e’ diventato la condizione naturale di milioni di esseri umani che scontano le colpe e gli errori che democrazie e dittature hanno commesso e commettono, scontrandosi e usandosi a vicenda. Le guerre, le occupazioni, le intolleranze, gli abusi, le violenze stanno rendendo la nostra terra inabitabile a intere popolazioni costrette alla fuga. Oggi la patria e’ dove trovi pace e rifugio, e che rende possibile una convivenza civile. La patria e’ dove ti puoi fermare.
E’ in questa luce che l’idea di cittadinanza cambia aspetto e dal diritto di sangue si apre al diritto del suolo, e’ cosi’ che un paese ritrova se stesso riconoscendosi nel suo prossimo. Siamo tutti figli della confusione fra patria e esilio.
E’ una nuova idea di cittadinanza, che corrisponde al nostro tempo e alla storia comune, un’idea che ha fatto l’America e sta facendo l’Europa.
Il nuovo principio dice che un bambino che nasce e cresce in Italia, che parla italiano e studia italiano, e’ italiano. E’ il vivere insieme e parlare una stessa lingua che ci rende “concittadini”.
Se manteniamo un atteggiamento di paura e rifiuto, ci aspetta un mondo di “campi”, ufficialmente provvisori, in realta’ perpetui, chiusi da muri che dividono uomini e donne per sempre estranei, e i nostri paesi saranno abitati da sconosciuti senza diritti, mortificati e scontenti.
Ma se accettiamo di guardarli in faccia, vedremo persone che rimodellano con noi una vita comune.
Perche’ il mondo e’ cambiato – e anche noi abbiamo contribuito a cambiarlo – e non abbiamo altre opzioni che incontrarci o farci la guerra, affratellarci o terrorizzare ed essere terrorizzati.
Oggi si tratta di dare la cittadinanza a circa 800.000 bambini, per non ritrovarli ragazze e ragazzi senza alcun diritto.
E di imparare dai bambini a giocare insieme.
Per questo chiediamo agli Italiani di essere saggi, generosi e lungimiranti e di sostenere la legge che concede la cittadinanza per Ius soli, diritto del suolo.
Primi firmatari: Gianfranco Bettin, Ginevra Bompiani, Furio Colombo, Goffredo Fofi, Carlo Ginzburg, Luigi Manconi
*
Le persone partecipanti all’incontro hanno anche espresso ancora una volta il loro sostegno all’appello “Una persona, un voto” per il riconoscimento del diritto di voto a tutte le persone residenti in Italia, ed all’appello affinche’ sia riconosciuto a tutti gli esseri umani il diritto di giungere nel nostro paese in modo legale e sicuro.

Il “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo

Viterbo, 19 settembre 2017

Mittente: “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: centropacevt@gmail.com

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *