Ambiente: il Pianeta Terra ad un bivio entro il 2020

Living report 2016

27 Ottobre 2016 – 12:26
A lanciare l’avvertimento è il WWF nel suo ultimo rapporto “Living Planet 2016”. L’associazione ambientalista sostiene che entro il 2020 la Terra si troverà ad un bivio e dovrà decidere cosa fare: scegliere la strada della sostenibilità o continuare a distruggere l’ambiente in cui viviamo rinunciando a biodiversità, fauna e consumando le risorse necessarie per la vita sulla Terra.

Presentato questa mattina in tutto il mondo il rapporto biennale redatto dal WWF “Living Planet Report 2016 – Rischio e resilienza in una nuova era”, il report che analizza attraverso una serie di indicatori lo stato di oltre 14.000 popolazioni di animali. I dati che emergono sono sconcertanti: dal 1972 al 2012 le popolazioni mondiali di mammiferi, uccelli, pesci, rettili e anfibi è diminuita del 58% con una media del 2% annuo. Di questo passo entro il 2020 la fauna globale si ridurrà, a causa delle attività umane, al 33% di quella che era nel 1970. Gli effetti dell’uomo sono devastanti e se non poniamo un freno a questo andamento esauriremo le risorse necessarie per la sopravvivenza nel giro di poco tempo.
E le difficoltà aumenteranno ancora di più quando gli abitanti della Terra toccheranno quota 9 miliardi. Attualmente l’attività agricola utilizza il 70% dell’acqua potabile disponibile ed occupa un terzo della superficie terrestre. Siamo in “riserva” su 9 indicatori che non avremmo mai dovuto superare per salvaguardare i processi fondamentali che regolano la vita sulla Terra: clima, integrità della biosfera, flussi biogeochimici di azoto e fosforo e cambiamenti nell’uso del suolo. Donatella Bianchi, presidente di WWF Italia commenta: “Continuando a oltrepassare i limiti biologici e fisici della Terra minacciamo il nostro stesso futuro. Questo è un momento decisivo, perché siamo ancora in grado di sfruttare le soluzioni per orientare i nostri sistemi alimentari, energetici, dell’economia e della finanza in una direzione più sostenibile”.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *