Pesticidi: 3 proposte per i sindaci

Le associazione della Valpolicella cercano di cambiare l’agricoltura inquinante in agricoltura sana e rispettosa dell’ambiente. Faremo anche noi una proposta ai sindaci che ricalcherà la stessa delle associazioni della Valpolicella e cercheremo il coinvolgimento dei cittadini perché venga approvata. Raimondo Chiricozzi Presidente AICS CP Viterbo

Le associazioni ambientaliste della Valpolicella hanno preparato un breve documento che faranno pervenire a tutti i sindaci della provincia di Verona. Le 3 proposte sono semplici e di facile applicazione, ma indicano chiaramente un cambio di direzione nella gestione dei pesticidi in agricoltura.

di Redazione, 9 ottobre 2014 da veramente.org

Visto il PAN 2012, visto il rapporto ISPRA sui pesticidi nelle acque Italiane, vista la tipologia della agricoltura locale caratterizzata da una forte contiguità fra case e campagne, visti i sempre più numerosi studi sulla pericolosità dei pesticidi per la salute dell’uomo e degli esseri viventi,
chiediamo alle amministrazioni comunali di:

  1. Bandire dai suoli pubblici i diserbanti e i pesticidi (detti anche prodotti fitosanitari, fitofarmaci o agrofarmaci);
  2. Recepire e di far rispettare il REGOLAMENTO DI POLIZIA RURALE approvato nel 2012 dal Comune di Negrar e successivamente adottato da altri Comuni, richiedendo alle aziende il controllo della taratura degli ugelli e la comunicazione, tutte le volte che è possibile, dei prodotti usati.
  3. Richiedere ad ARPAV ed ad “Acque Veronesi” la esecuzione di analisi della acque più complete di quelle fatte fino ad ora, inserendo Glifosate, residui di diocarbammati e ditianon, e di eseguire delle analisi in proprio come controprova.

Le Associazioni promotrici dell’iniziativa si renderanno disponibili a fornire tutte le documentazioni richieste e a supportare eventuali iniziative di informazione pubblica che le amministrazioni decideranno di organizzare.

.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

2 commenti

  1. Sarebbe più corretto citare l’articolo originale: http://www.veramente.org/wp/?p=14556

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *