PASTORELLI: REATO DI OMICIDIO STRADALE, UN ATTO DI CIVILTÁ

L’On. Oreste Pastorelli, a nome della componente socialista, ha motivato il suo voto favorevole al provvedimento che riforma il codice della strada, approvato questa notte dalla Camera dei Deputati.

Il disegno di legge delega per la riforma del codice della strada – esaminato alla Camera ieri sera – mira a un suo riordino complessivo attraverso “una serie di interventi che, nonostante le ripetute modifiche già apportate al codice dal 1992 a oggi, devono continuare a considerarsi di primaria necessità e centralità, alla luce dell’evoluzione delle problematiche connesse allo stato delle nostre strade, all’aumento smisurato del parco veicolare, al numero esorbitante di incidenti stradali che ancora oggi si registrano nel nostro Paese, con tassi di mortalità sempre oltre la media europea”.
Così il deputato Psi Oreste Pastorelli, durante la dichiarazione di voto della delegazione socialista.
Il provvedimento prevede inoltre le norme sull’introduzione del reato di omicidio stradale e l’ergastolo della patente, norme proposte dal Psi, che rappresentano “un atto di civiltà per la sicurezza sulle nostre strade dei cittadini di oggi, così come delle generazioni future” ha aggiunto Pastorelli. Inoltre, il disegno di legge  è necessario per “una tutela più consistente dell’ambiente, attraverso percorsi di mobilità sostenibile”. “La battaglia dei socialisti, abbracciata dal viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Riccardo Nencini, prosegue in Senato” ha concluso l’esponente socialista.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *