Ronciglione: Bonifica dell’ex Magazzino di Difesa NBC da lacitta.eu

da lacitta.eu

PDF

Stampa

E-mail

Mercoledì 28 Novembre 2012 19:46

 

 

 
 
 
 

 

Ronciglione Il piano è stato attivato sin dalle ore 5.30 con la chiusura dei nodi stradali e l’evacuazione della cittadinanza
A seguito della rilevata presenza di materiale ferroso, si è tenuta ieri la programmata attività  di ricognizione  presso l’ex Magazzino di Difesa NBC di Ronciglione,  al fine di una puntuale verifica della consistenza e delle caratteristiche del materiale rinvenuto.

Il piano è stato attivato sin dalle ore 5.30 con la chiusura dei nodi stradali e l’evacuazione della cittadinanza nel raggio di 1 km dalla buca  considerata dal piano  quale cintura  di  sicurezza. Un modello di intervento  integrato attuato,   in   una condizione di evento atteso, che non risulta avere analoghi precedenti.

La struttura operativa, coordinata dal Capo di Gabinetto della Prefettura,   prevista  per le   attività di presidio,  soccorso tecnico urgente e assistenza sanitaria  nell’ambito del modello operativo NBCR (NUCLEARE – BIOLOGICO – CHIMICO – RADIOLOGICO)  – composta  da  Prefettura –   Protezione Civile Nazionale  – Vigili del fuoco – ARES  118  anche con unità e mezzi  NBCR  e Unità locale di Comando –  Polizia di Stato TLC  –  Polizia  Stradale –  Carabinieri – Corpo Forestale dello Stato –  Provincia  – Polizia Locale Ronciglione  –  Guardia Parco della Riserva Naturale Lago di Vico  – 10 Reparto Infrastrutture ufficio  BCM Napoli –  è stata presente sul sito per  tutta la durata delle operazioni dando prova di grande professionalità e capacità organizzativa. Presenti alle operazioni anche il Sindaco di Ronciglione che non ha mai lasciato  il centro di coordinamento ed il Sindaco di Caprarola.

Il Col. Pasquariello  del Centro Tecnico Logistico Interforze NBC  ha diretto le operazioni all’interno del sito militare dove,  personale altamente specializzato,  con abili manovre ed intenso lavoro durato fino alle ore 16.08 (ora in cui hanno comunicato la fine delle operazioni)   ha riportato alla  luce n. 4 bombole di m. 1.70  completamente vuote e corrose, trasportate poi  presso il Centro di Civitavecchia.

Nella riunione di debriefing che si è tenuta stamani presso questa Prefettura, il Prefetto Antonella Scolamiero ha fatto pervenire,  a tutte le componenti di protezione civile presenti al tavolo,  il proprio personale apprezzamento per il lavoro svolto traducibile sicuramente  in una delle più complesse attivazioni  di Protezione Civile  sul territorio della Tuscia.

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *