Peparello: ”Necessari interventi tempestivi”

Peparello: ”Necessari interventi tempestivi”

A Viterbo stati generali categorie del settore turismo di Confesercenti

 

VITERBO – ”Servono interventi certi, robusti e tempestivi per tornare a essere competitivi e rappresentare nuovamente la destinazione più ambita a livello turistico mondiale”. Ad affermarlo Vincenzo Peparello, Presidente Confesercenti e Assoturismo della Provincia di Viterbo nel corso della riunione congiunta dei direttivi di tutte le categorie del turismo (albergatori, campeggiatori, agenzie di viaggio, tour operator, guide turistiche e settore extralberghiero) presso il Gran Caffè Schenardi in attesa dell’assemblea elettiva Regionale anticipata rispetto alla scadenza naturale per far fronte alla situazione di difficoltà che sta vivendo il turismo nel nostro paese in generale.

”Difficoltà che abbiamo rappresentato al ministro del turismo Piero Gnudi – prosegue Peparello – in occasione della nostra Assemblea Nazionale Confesercenti, nella quale il presidente Marco Venturi ha espresso le preoccupazioni della categoria sottolineando l’importanza di interventi che servirebbero in questo momento non solo per far fronte alla crisi ma anche e soprattutto per rilanciare e un’auspicabile sviluppo del settore”.

”La preoccupazione maggiore viene dai nostri operatori, che, da qualche anno assistono a perdite consistenti di fatturato, di valore aggiunto e di occupazione. Inoltre il nostro turismo vede ulteriori perdite di quote di mercato e posizioni rispetto all’Europa (al terzo posto dopo Francia e Spagna) e siamo sesti a livello mondiale. Servono in primo luogo – sostengono i vertici delle Associazioni di settore – risposte da parte del Governo centrale e dagli Enti locali e risposte immediate per scongiurare una recessione che potrebbe diventare irreversibile. Le rappresentanze delle imprese e gli imprenditori stessi sono chiamati – da parte loro – a dover fronteggiare la crisi con nuovi investimenti e strategie di marketing per far rimanere competitivo il comparto e le imprese in un mercato ormai interamente globalizzato”.

Al di là delle parole, che indicano nel turismo lo strumento principale per uscire dalla crisi e volano dello sviluppo territoriale, appaiono incomprensibili alcune misure attuate dal Governo tutt’altro che orientate al rilancio dell’economia turistica italiana. L’ipotizzata chiusura del Ministero, l’abolizione dei buoni vacanza, l’introduzione della tassa di soggiorno e altri aumenti impositivi (IVA ecc.).

Altra richiesta importante – che è stata avanzata a tutti i livelli politici e amministrativi – è stata quella del sostegno della formazione ritenuta strategica e fondamentale per la crescita e lo sviluppo del settore.

La Confesercenti e Assoturismo della Provincia di Viterbo e del Lazio, hanno presentato infine tre bandi per corsi: Master in marketing e management turistico; Food and Beverage management e Town Center Manager. I corsi saranno orientati alla formazione di profili professionali adeguati a quelle che sono le esigenze delle aziende e del mercato del lavoro in campo turistico.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *