Carnevale di Ivrea: arance e tradizione

clicca qui per l’articolo originale 

Un conflitto all’ultimo agrume, veri e propri eserciti a confronto, per un totale di 3.500 quintali di frutta lanciata

Divisa per rioni tra marce di pifferi e tamburi diversi gli uni dagli altri,Ivrea, nei giorni di festa regala alle centinaia di visitatori che invadono le strade emozioni e tanto divertimento.

Anche lo spesso austero Piemonte a Carnevale indossa la sua maschera tra musiche, colori, folklore e la caratteristica battaglia delle arance.

Dal giovedì al mercoledì delle Ceneri, infatti, nelle piazze della cittadina si svolge la tradizionale lotta che vede impegnati gli equipaggi delle pariglie, delle quadriglie e le squadre degli aranceti a piedi costituite da centinaia di tiratori.

Una manifestazione unica al mondo che ogni anno, dal 1808, porta nelle vie e nelle piazze della città storia, tradizione, spettacolo, emozioni e grandi ideali.

Questo gogliardico appuntamento viene affiancato da un programma molto intenso che prevede numerose iniziative per valorizzare il patrimonio culturale dell’intero Canavese, dalle rassegne enogastronomiche alle esibizioni di gruppi storici provenienti dal tutto il mondo, all’organizzazione di tour e visite guidate alla scoperta del territorio.

Ivrea, quindi, è una delle mete preferite per chi a Carnevale vuole divertirsi e cimentarsi in nuove avventure, offre anche molte opportunità per passare qualche giorno in posti incontaminati e per questo esclusivi. 
Alloggiando al Relais Villa Matilde a Romano Canavese, a pochi chilimetri dal centro, per esempio, sarete avvolti da un’atmosfera che coniuga eleganza con calore e senso di intimità. Camere e suites, attrezzate per ogni esigenza, una diversa dall’altra, offrono una vista senza paragoni sul grande parco di castagni, platani e magnolie. 
La struttura e il servizio sono impeccabili, il ristorante è ricavato dalle antiche scuderie, il centro benessere è inserito nell’ex limonaia vicino alla piscina con il bar e in più tutti i clienti verranno omaggiati con il tipico cappello frigio di colore rosso e assolutamente indispensabile per andare a vedere la battaglia delle arance.

Per maggiori informazioni: 
www.piemontefeel.it
www.torinopiemonte.com

2 FEBBRAIO 2007

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *